WebArtMagazine@Altervista
« Indietro [M-Q] | Home | ArteNetwork.Altervista.org

Il linguaggio segnico e coloristico di Cristina Maddalena

Nata a Varese, dove vive e lavora, Cristina Maddalena, attiva dal 1981 nelle comunicazioni pubblicitarie, diventa artista per vocazione.
Dagli insegnamenti del maestro Mario Torreggiani Bianchi apprende "Alternativa", transito filosofico fondamentale nel suo percordo artistico.
Con folgorante candore, fedele alle emozioni e alle immagini che giÓ vivono in lei, trasforma il fascino e il rigore della sua esperienza di vita in segni schietti, che imprime sulla tela con colori forti, concreti, che catturano e coinvolgono.
www.cristinamaddalena.com
cristina.maddalena@tiscali.it

"Affondo la lama nel colore e lo stendo sulla tela-dice l'artista parlando della sua pitura-Penetro nella linfa cromatica e me ne libero sulla superficie immacolata della tela".
La pulsionalitÓ gestuale che Cristina Maddalena mette nelle sue opere Ŕ puro piacere della materia pittorica, un linguaggio segnico codificato e consapevole.
Il colore Ŕ applicato con spatolate dense, ampie, attraverso un gesto sensuale, ad esprimere sensazioni, emozioni e atmosfere.
L'artista cerca una ritmica di superficie che consenta di conferire una vibrazione unitaria ad ogni singola tela, una tessitura in cui possa dispiegarsi tutta intera la forza del suo gesto, tutta l'intensitÓ delle vibrazioni cromatiche, tutta l'incisivitÓ di un segno che tende ad addensarsi sempre pi¨ fino ad invadere ogni vuoto, ogni frammento di tela e di superficie.
La pittura di Maddalena Ŕ misurata e sofferta, i suoi voli pittorici sono pesanti quanto una spatolata di nero colante e i suoi lavori possiedono le profonditÓ proibite dei paesaggi dell'anima, trasmettendo lo spazio di interioritÓ ricordato e desiderato, proponendosi di investigare regioni del territorio estetico quasi inesplorate e personali, come quell'accavallarsi di colori accesi che partendo dal bianco, attraverso i rossi, o blu e i gialli, ritornano al bianco (Ŕ attraverso il colore che prende vita l'energia della sua anima e che si infrange sul bianco vuoto ed accecante della realtÓ).
L'artista ci dona un'arte schietta e leale, la cui potenza Ŕ percettibile a tutti, come se questo fosse il suo primario dovere imposto dall'importanza che l'arte assume nella crescita sociale.
La sua Ŕ una pittura fuori dall'azzeramento tecnologico, che contiene elementi di sacro, di naturale, di archetipo e che funge da modello lineare dell'esistenza, dove sia presente un'identitÓ tra idea e corpo, idea come impianto della memoria, materia come corpo della pittura, pittura come corpo in movimento, come funzione del corpo, come visione esteriore di ci˛ che Ŕ di pi¨ interiore.
Pi¨ che astrattista Maddalena parla in termini di astrazione, cerca di portare alla luce le cose invisibili ad occhio nudo, ma visibilissime dall'emotivitÓ.
Se leggerai questo testo, guarda contemporaneamente le opere che lo hanno emozionato, non ti soffermare sul significato dell'immagine, perchŔ ad un'astrattista come Cristina interessa di pi¨ il modo in cui lo spettatore interpreta il suo lavoro, piuttosto che la sua intenzione, come dire che "ci˛ che vedi Ŕ proprio quello che stai cercando".

Eraldo Di Vita
OPERE
Cliccare sull'opera per ingrandirla.
B010 B017
B018 B019
B020 Back
Blackout Female
Finger Gold
Masaimara Vares
Web Art Magazine contact: e-m@il